Ricostruire la Speranza - 2020


Haiti è uno tra i paesi che attualmente rientrano in uno stato di emergenza tale da richiedere degli interventi umanitari costanti, per la ricostruzione del paese distrutto dal terremoto. Tra i vari progetti di aiuto, alcuni volontari provenienti da tutto il mondo ci raccontano dell'azione sostenuta da "Hope for Haiti's Children. La costruzione delle scuole, delle chiese, degli orfanotrofi, delle case e l'avvio di piccole attiività di lavoro stanno ridando la speranza al popolo di Haiti.

Autore: 
Autore: Hope for Haiti's Children
Testo Video Html: 

Sottotitoli:
Ho girato il mondo per viaggi di piacere,
per seguire delle missioni o per lavoro.
Ho visto dei posti in cui si vive piuttosto male,
ma non ho mai visto un posto come Haiti.
Siamo qui ad Haiti perché ora come ora
questo è il Paese più povero del mondo.
Il programma ha diversi obiettivi:
ogni bambino ha qualcuno che sostiene la sua istruzione,
senza questo aiuto, non avrebbero una speranza.
Sosteniamo la loro istruzione,
li aiutiamo ad aver cura della loro salute,
qualunque cosa sia necessaria,
che include anche aver cura delle loro famiglie.
Negli ultimi sette anni,
sono diventato sempre più consapevole
dell'azione di "Hope for Haiti's Children"
e sempre più convinto della visione e degli obiettivi che ha l'organizzazione.
Essere qui mi fa sentire partecipe del lavoro che fanno.
L'obiettivo con questi bambini
è di aiutarli,
a diventare punti di riferimento nelle loro case,
nelle loro chiese, nella loro comunità.
E' proprio quello che "Hope for Haiti's Children" sta facendo:
sta dando loro gli strumenti per farcela.
L'orfanotrofio di "Hope for Haiti's Children"
è vicino all'areoporto di Port-au-Prince.
Si trova in cima ad una collina.
L'aiuto economico di "Hope for Haiti's Children"
non è ancora abbastanza.
I fondi che abbiamo ottenuto
sono stati utilizzati per entrambi i nostri orfanotrofi.
Mi piacerebbe che la scuola avesse un suo edificio,
ma ora come ora non abbiamo neppure una licenza per costruire.
Il governo richiede che le scuole abbiano delle aule per ogni classe,
ma alcune delle nostre scuole non ce l'hanno.
Abbiamo bisogno di realizzare delle aule
da sostituire all'unico spazio aperto
dove i bambini si riuniscono ora.
Alcuni genitori portano i propri bambini in questa scuola
perché sanno che il 100% degli studenti
supera l'anno.
Nonostante il nostro duro lavoro
il governo non ci concede la licenza di cui abbiamo bisogno.
Spero che le cose possano cambiare in futuro.
Quando vivevo in una tenda,
i miei bambini stavano in un contesto degradato.
Quando andavo a lavorare nel quartiere vicino al nostro,
dovevo portarli con me,
ma c'erano un sacco di sparatorie.
Quel posto non era sicuro.
Nel terremoto la mia casa è stata distrutta.
E' crollata.
Ero in difficoltà,
non avevo un posto dove andare.
"Mission Cross" è una tra le comunità di ricollocamento.
Abbiamo attualmente 12 appartamenti,
che sono disponibil per le persone
che vivevano nelle tendopoli.
Ora io vivo in uno degli appartamenti
costruiti da "Hope for Haiti's Children".
Ora i bambini possono andare a scuola senza problemi,
possono anche ricevere assistenza in ospedale.
C'è anche un panificio in funzione.
Questo sostiene le comunità
per trovare un'occupazione alle persone,
o per avviare delle piccole attività lavorative.
Nel panificio è l'uomo che fa funzionare le macchine.
Gli uomini lavorano insieme alle donne,
fornendo loro il pane che poi venderanno al mercato.
Riescono così a guadagnare abbastanza
da poter mantenere la famiglia.
Io lavoro nel panificio
costruito da "Hope for Haiti's Children".
Prima vendevo il pane da un furgone,
quando ne avevamo uno.
Adesso vendo il pane direttamente dal panificio
e preparo anche dei tortini di pollo.
Quello che rende il progetto Thomazeau efficace,
all'interno del progetto "Hope for 2020",
è che ci saranno dei villaggi auto-sostenibili
a Thomazeau.
Questo progetto è stato realizzato per
sostenere l'orfanotrofio e le scuola locali.
I ragazzi avranno un orfanotrofio,
delle scuole primarie e secondarie,
seguiranno dei corsi in cui potranno imparare
un mestiere che potranno fare
quando usciranno dalla scuola.
Coinvolgeremo gli operatori locali ad insegnare ed aiutare.
E' un'opportunità straordinaria,
sia per i ragazzi che per gli adulti.
Il 2012 è stato un anno da ricordare.
Abbiamo iniziato con le scuole,
anche se abbiamo bisogno di più scuole primarie.
Ora ci sono 60 bambini
nella scuola di Thomazeau.
Bambini che prima non avevano assolutamente
la possibilità di andare a scuola.
Abbiamo aiutato a costruire
i dormitori per i ragazzi e le ragazze.
E' anche stata avviata una fattoria
per fornire gli ortaggi a questi bambini.
Ci sono degli animali, come le capre,
che sono molto importanti per i bambini.
E' carne che possiamo fornire
all'orfanotrofio e non solo:
forse in futuro anche a tutta la comunità.
Con l'evoluzione del programma,
saremo in grado di creare
più opportunità di lavoro a Thomazeau.
Questo progetto aiuterà tutta la comunità.
C'è anche la fauna di Tilapia,
grazie al progetto i bambini potranno essere nutriti
e in un futuro potremo aiutare
non solo l'orfanotrofio,
ma l'intera comunità.
Thomazeau è un meraviglioso esempio
di ciò che può essere fatto
per il sostegno di un'area ad Haiti.
Una delle cose importanti da ricordare,
è che le scuole e gli orfanotrofi
sono fondamentali per trasmettere dei valori ai bambini.
Purtroppo i soldi degli sponsor non servono a
sostenere nulla di tutto questo.
Dobbiamo cercare dei fondi altrove.
Sicuramente apprezziamo l'aiuto da chiunque
che abbia un cuore per Haiti.
E' importante fare ciò che si può
e riconoscere le fortune che si hanno.
Per me, per la mia famiglia e le persone che conosco
è facile dimenticare che
il resto del mondo ha meno fortuna di noi.
Il progetto regala a queste persone
la speranza di un domani migliore.
Da loro la speranza di costruire
un qualcosa che aiuti il loro paese
a diventare un posto migliore.